L’universo Marvel

01/04/2014 di Jacopo Mercuro

“ I limiti sono fatti per essere superati” – Iron Man (Robert Downey Jr.)

Era il lontano 1939, quando una piccola casa editrice, specializzata nella creazione di graphic novel, iniziò a pubblicare storie di uomini con poteri fuori dal comune. Il primo super eroe della Timely Comics, che presto diverrà Marvel Comics, fu il principe dei mari Namor (Sub-Mariner) e per anni rappresentò, insieme ad Human Torch, uno dei personaggi di punta.

Universo-Marvel-Stan-Lee
Stan Lee

Gli anni in cui la casa editrice muoveva i primi passi, erano gli stessi in cui il mondo si trovava a fare i conti con la seconda guerra mondiale e gli Stati Uniti cercavano di annientare la minaccia nazista; il momento migliore per dar vita al patriottico Capitan America, ancora oggi presente sul grande schermo. Questi erano gli anni identificati come la Golden Age, periodo in cui gli albi a fumetti andavano letteralmente a ruba, ma sul finire degli anni 50, con il tramontare dell’epoca d’oro, molti super eroi furono accantonati, per poi tornare in attività qualche anno più tardi.

Arrivò poi la seconda era del fumetto, conosciuta come la Silver Age. Verso l’inizio degli anni 60, i rivali di sempre della DC Comics vivevano un periodo di rinascita, lanciando sul mercato nuovi personaggi, che il pubblico accolse con entusiasmo. Fu così che la Timely Comics decise di cambiare rotta per tornare anch’essa in auge. Arrivò Stan Lee, un super uomo in carne ed ossa, il suo potere erano le idee, grazie alle quali riportò la Timely Comics, che nel frattempo divenne la Marvel Comics, ad essere una delle case di maggiore successo. Hulk, Fantastic Four, Thor e Spider-Man; nacque una nuova generazione di super eroi, ancora oggi, sempre pronti a mettere in salvo la terra. Con il passare degli anni, il mercato dei fumetti, si restrinse notevolmente, mettendo più volte in pericolo le case editrici.

Per contrastare la crisi, nel bel mezzo degli anni ’70, la Marvel decise di vendere i diritti di sfruttamento dei suoi personaggi più in voga agli Studios hollywoodiani. Le major, per la prima volta, portarono i super eroi sul piccolo schermo, con delle serie tv di culto come The Amazing Spider-Man e il famoso Hulk di Lou Ferrigno. Nel 1980 la Marvel era pronta a realizzare il sogno di una vita: vedere uno dei suoi super uomini in azione sul grande schermo. Fu un passo coraggioso, ma i risultati furono disastrosi, inanellando una serie d’insuccessi che misero a dura prova i progetti futuri. Bisognerà attendere l’inizio del terzo millennio, per fa si che la Marvel Studios entusiasmi e appaghi finalmente un pubblico che altrimenti avrebbe perso per sempre. Hulk di Edward Norton e l’Iron Man di Robert Downey Jr., su tutti, aiutati anche dalle nuove possibilità grafiche, sono riusciti a portare a termine una delle loro missioni più difficili: realizzare un film di successo. Il colosso delle graphic novel è finalmente tornato a viaggiare a vele spiegate verso il successo e nel 2009, la The Walt Disney Company ha deciso di acquisire l’intera società per quattro miliardi di dollari. L’ottimo stato di salute, di cui oggi gode la Marvel Studios, non basta per spengere il più grande rimpianto.

Universo-Marvel-Robert-Iron-Man
Robert Downey Jr. nei panni di Tony Stark, aka Iron Man

Negli anni 70, la Marvel, per ragioni economiche, decise di vendere i diritti di alcuni personaggi, che ancora oggi sono tra i più popolari come Spider-Man, X-Man e Fantastic Four. Ogni super eroe che si rispetti ha un antagonista, lo stesso vale per la Marvel, che a colpi di uscite, tra fumetti e film, sfida i rivali di sempre della DC Comics. La DC, sin dal 1967, è nelle mani della Warner Bros, ma nonostante ciò, a differenza della Marvel, non ha mai sfruttato al massimo i suoi personaggi. Abbiamo dovuto attendere il 2005 per vedere finalmente un Batman che si rispetti; di fatto è stata la trilogia del Cavaliere Oscuro che ha riportato la DC sotto le luci della ribalta. Il successo internazionale è stato un grande innesto di fiducia, tanto da decidere di rinnovare uno dei suoi personaggi di punta: Superman. Nonostante le tante aspettative, l’uomo d’acciaio, messo nelle mani di Zack Snyder, si è schiantato rovinosamente al suolo; un insuccesso che i fan hanno interpretato come un tradimento.

I successi isolati della DC Comics hanno dato ancora più spinta alla casa di Iron Man, che si sta dimostrando più attenta alle esigenze dei suoi affezionati, presentando lavori di qualità sul grande e sul piccolo schermo. La trovata geniale della Marvel è il non soffermarsi solo sulle super scazzottate, ma allargare il suo contesto alla quotidianità degli umani, al loro modo di convivere con i super eroi e alla loro controversa e complicata filosofia. La Marvel sta lasciando molta strada tra se e la concorrenza, uscendo in modo frequente con film di qualità, per trama ed effetti visivi. Nel prossimo anno ci sarà la resa dei conti tra le due casa editrici, la Marvel con i suoi The Avengers e la DC con la sua Justice League. Possiamo solo attendere che la prossima minaccia della terra venga sventata dai nostri eroi preferiti.

The following two tabs change content below.

Jacopo Mercuro

Nasce a Roma il 30/03/1988. Si diploma al liceo classico per poi intraprendere gli studi di giurisprudenza. Fin da bambino ha una vera e propria passione per il grande schermo. Cresce nutrendosi di pane, film e musica rock. Predilige le pellicole d’oltreoceano tanto che sulla sua scrivania non manca mai una foto del monte Hollywood.
blog comments powered by Disqus