TIA Formazione e il giornalismo sul web: un seminario su come dare la notizia

27/01/2015 di Redazione

Nella sede romana dell’FNSI, professionisti quali Giampiero Gramaglia ed Antonio Troise hanno spiegato come fare giornalismo ai tempi di internet e dei social network. Giacomo Robustelli, fondatore di EuNews, ha parlato di costi ed opportunità dell’informazione on-line dal punto di vista imprenditoriale

Si è svolto venerdì 23 gennaio presso la sede FNSI in Corso Vittorio Emanuele II a Roma il seminario su giornalismo e informazione online “Scrivere per il web”, promosso da TIA Formazione Internazionale. L’iniziativa, svoltasi in collaborazione con il Dipartimento per le Politiche europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha visto la partecipazione di Giampiero Gramaglia ed Antonio Troise, figure di spicco del giornalismo italiano. Il loro bagaglio di competenze ed esperienze nel settore ha offerto spessore e ricchezza ai contenuti proposti durante la giornata, incentrata sull’evoluzione del giornalismo e sulle tecniche di scrittura online.

La locandina di presentazione del seminario
La locandina di presentazione del seminario

Ai partecipanti del corso, quali giornalisti, pubblicisti, blogger e professionisti della comunicazione virtuale, sono state dedicate lezioni volte ad approfondire le modalità di produzione e di distribuzione della notizia sul web, a fronte della necessità di aggiornamento costante reclamata dallo sviluppo della rete. L’avanzata globale di Internet e le innovazioni tecnologiche, che ampliano lo spettro delle piattaforme digitali veicolanti l’informazione, richiedono, infatti, specifiche conoscenze e abilità, dalle quali l’attività giornalistica non può prescindere, in considerazione del suo fine di utilità sociale, che impone efficienza ed efficacia. Rilevante al riguardo è il ruolo detenuto dal mondo del Web 2.0, all’insegna di una forte interazione tra sito e utente, dell’ascesa dei social network e di una produzione e condivisione di notizie dalla portata sempre più ampia, secondo l’accezione in gran voga oggi del citizen journalism. La minaccia che ne deriva nei confronti della veridicità della notizia, sottoposta ad una pluralità di fonti informative, spesso incontrollate, obbliga il giornalista a prestare particolare attenzione all’attendibilità e all’affidabilità della stessa, che risultano anche validi indicatori in termini di condotta professionale.

Dopo una prima parte teorica del corso incentrata sui metodi d’approccio al web e sulle tecniche della scrittura giornalistica, si è dato spazio ad una trattazione della materia sulla base dei risvolti imprenditoriali che vi sottendono, con l’intervento di Giacomo Robustelli. Amministratore delegato, e socio e cofondatore del quotidiano online Eunews, Robustelli ha ribadito il valore del dibattito in Italia sull’Unione Europea, da tenere vivo anche tramite una continua apertura del mondo dell’informazione alle innovazioni nel settore della comunicazione.

Infine, il seminario ha previsto una parte di esercitazione pratica, finalizzata all’applicazione diretta delle nozioni acquisite. I presenti hanno potuto mettere a frutto le proprie competenze, e misurare il personale livello di apprendimento, affidandosi alle indicazioni e ai suggerimenti di Gramaglia e Troise. Il corso ha così fornito prova della professionalità dei due giornalisti, messa a disposizione dei partecipanti: l’obiettivo formativo della giornata può dirsi conseguito in pieno.

Clara Agostini

blog comments powered by Disqus