Sondaggi politici elettorali ottobre 2015: con l’Italicum, PD a rischio

14/10/2015 di Andrea Viscardi

I sondaggi di questa settimana rilevano un M5s vicino al 27 per cento, e un PD che - anche a causa dell'affaire Marino - frena. E con il ballottaggio, il M5s fa paura

Sondaggi Politici Ottobre 2015

I sondaggi politici elettorali di questa seconda settimana di ottobre, disegnano uno scenario che si può definire relativamente stabile nei trend disegnati. Al di fuori di piccoli spostamenti per quanto riguarda i partiti minori – dove solamente Sel fa registrare un forte calo, di circa il 10% rispetto alla settimana precedente – è interessante soffermarsi su quella che può definirsi una corsa a due, tra PD e M5s.

Il M5S, da giugno, ha guadagnato circa 4 punti percentuali, accorciando le distanze da un PD che nello stesso periodo ha perso all’incirca 2 punti, anche a causa di quanto avvenuto nelle ultime settimane a Roma, con le dimissioni di Marino e le polemiche connesse. Basti pensare come, ad oggi, secondo Piepoli, non basterebbero Lega e FI insieme per raggiungere il Movimento di Grillo e Casaleggio, mentre a giugno la distanza era a favore dei primi per ben 5 punti percentuali. Più cauti EMG ed Euromedia, che vedono un’eventuale asse Berlusconi-Salvini avanti, seppur relativamente. Appare chiaro, quindi, quanto con i trend odierni il centrodestra dovrà presentarsi ad eventuali elezioni politiche compatto, e come Fratelli d’Italia rappresenti l’ago della bilancia per poter accedere ad un eventuale ballottaggio.

Sondaggi Politici Ottobre 2015

Un dato particolarmente interessante, però, è quello riportato da EMG, che ha chiesto al proprio campione di cittadini chi preferirebbe votare nell’eventualità di un ballottaggio – così come prevista dall’Italicum, qualora nessun partito o lista dovesse raggiungere il 40 per cento – tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle. Il risultato non può che far preoccupare i vertici del partito guidato da Matteo Renzi: ad oggi, tra i due partiti, vi sarebbero solamente due punti di differenza. Una forbice che, con la legge di stabilità alle porte, rischia di ridursi ulteriormente: molto dipenderà, anche, dalle promesse fatte dal Governo rispetto al calo della tassazione, a partire da quella in riferimento alla prima casa. Un’eventualità, quella di una sfida PD-M5s, possibile ad oggi solo qualora il centrodestra non trovasse l’unità.

Sondaggi M5s-PD, Ottobre 2015

Fiducia nel Premier, ottobre 2015

 

 

The following two tabs change content below.
Nasce a Torino il 13/09/1988, appassionato di politica, dopo essersi diplomato al Liceo Classico Beccaria di Milano, si iscrive al corso di Studi Internazionali all’Università degli Studi di Torino, dove si laurea nel 2011. Completa il suo percorso di studi laureandosi con lode al corso specialistico in Relazioni Internazionali dell'università LUISS Guido Carli.
blog comments powered by Disqus