Natale con i tuoi, Pasqua nei musei!

03/04/2015 di Laura Caschera

Domenicalmuseo, inaugurata dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini nel luglio scorso. Il programma dà la possibilità, la prima domenica di ogni mese, di visitare gratuitamente tutti i monumenti, i musei e le aree archeologiche dello Stato, in ogni città italiana. Perché non pensare, allora, ad una Pasqua piena di cultura?

Domenica al Museo

Sono ormai passati nove mesi dal debutto dell’iniziativa #Domenicalmuseo, inaugurata dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini nel luglio scorso. Il programma dà la possibilità, la prima domenica di ogni mese, di visitare gratuitamente tutti i monumenti, i musei e le aree archeologiche dello Stato, in ogni città italiana. La proposta ha avuto molto successo, raggiungendo il suo picco nel mese di marzo, dove si sono registrati più di 320 mila visitatori. In occasione delle festività di Pasqua, allora, vista la forte affluenza, il Ministero ha deciso di proseguire l’iniziativa anche domenica 5 aprile, prima domenica del mese. Per il giorno di pasquetta, lunedì 6 aprile, invece, l’apertura straordinaria dei musei rispetterà il normale piano tariffario.

Come ha sottolineato l’Architetto Ugo Soragni, Direttore generale dei musei, “l’annuncio pasquale” è volto ad  “aumentare ancor di più il numero dei nostri visitatori”. Dunque, per chi sceglierà di non fare gite fuori porta nel weekend pasquale, ci sarà la possibilità di ammirare splendidi patrimoni di tutta Italia, che molti, per svariati motivi, non hanno avuto l’occasione di apprezzare nelle domeniche precedenti. Per chi volesse sapere con esattezza quali sono i musei che aderiscono all’iniziativa, si consiglia di consultare il sito www.beniculturali.it, dove, per ogni regione, vi è un elenco di tutti i monumenti, i musei, i giardini ed i percorsi archeologici aperti in occasione del progetto del Ministero.

Chi sceglierà di restare nella capitale, avrà la possibilità di visitare gratuitamente musei come la Galleria Nazione d’Arte Moderna. Proprio qui si tiene la mostra “Artisti dell’Ottocento- Temi e Riscoperte alla Galleria d’Arte Moderna di via Francesco Crispi”, dove è possibile ammirare opere di grande interesse culturale, mai esposte al pubblico. E’ inoltre consigliabile visitare le opere permanentemente esposte in galleria, testimoni più vivi dell’arte moderna e contemporanea, come  quelle di Lucio Fontana, maestro dello spazialismo, autore di alcune delle creazioni più interessanti del secolo scorso. Per chi volesse avventurarsi alla scoperta della storia e dell’arte romana si suggerisce una visita ai Musei Capitolini, la giusta occasione per visitare la mostra “L’età dell’angoscia”, quarto appuntamento de “I giorni di Roma”, ciclo volto a illustrare i cambiamenti intervenuti nell’epoca compresa tra il regno di Commodo e quello di Dioclezionano.

Se siete invece appassionati di sperimentazione e di arte contemporanea allora una visita al Macro è d’obbligo. Qui, infatti, ha da poco aperto i battenti l’esposizione “Scialoja. Azione e Pensiero”, una mostra  che celebra i cento anni dalla nascita dell’artista Toti Scialoja, pittore, scenografo e poeta, ma anche docente di arte. Altro appuntamento da non perdere al museo testaccino è quella dell’artista spagnola Amparo Sard, la cui ricerca, incentrata sul tema dell’identità, si avvale di mezzi diversificati, dal disegno fino alla scultura, in un tripudio di contemporaneità disarmante.

Se invece abitate a Milano e volete rendere proficua la vostra domenica di Pasqua, potete avventurarvi alla volta dei Musei del Castello Sforzesco, dove vi sarà la possibilità di ammirare, tra i tanti, il Museo dell’arte antica e la Pinacoteca, dove vi sarà l’occasione di visitare l’esposizione dedicata a 230 opere di grande prestigio della pittura italiana, dal XIII al XVIII secolo, con attenzione particolare alla produzione lombardo- veneta. Per gli appassionati di arte moderna vi stupirà la Galleria d’Arte Moderna, dove si potrà accedere alla mostra “Medardo Rosso. La luce e la materia”, esposizione monografica dedicata ad uno dei protagonisti dell’arte internazionale tra ‘800 e ‘900. Chi volesse avventurarsi alla scoperta del patrimonio risorgimentale della nostra nazione avrà pane per i suoi denti al Museo del Risorgimento, protagonista della curiosa e intelligente iniziativa “adotta un’opera del Museo per contribuire al suo restauro”.

Come non parlare poi di Torino e del suo restaurato Museo Egizio, rinnovato nell’aspetto e nella sua concezione museografica, protagonista indiscusso di un progetto ambizioso che non solo fa coesistere un cantiere di 50 milioni di euro (tra i più grandi d’Europa)  senza chiudere al pubblico neppure un giorno, ma che dà l’imperdibile possibilità di accedere ad alcune delle più importanti meraviglie del panorama antico che il mondo abbia da offrire. Iniziative in occasione di Pasqua sono ovviamente presenti in città meta tutto l’anno del turismo d’arte, come Firenze, Venezia e Napoli. Ma se la primavera è forse la stagione migliore per intraprendere percorsi culturali, le nostre città, dalle metropoli fino ad arrivare a piccoli gioielli incastonati tra le colline, hanno finalmente l’occasione di scoprirsi, di togliere il mantello che per troppi anni le ha coperte proprio nei giorni festivi.

The following two tabs change content below.

Laura Caschera

Nasce a Roma nel 1990. Si diploma al Liceo Classico “Luciano Manara” e nel 2014 si laurea in Giurisprudenza presso la facoltà “Roma Tre”. Coltiva da tempo la passione per l'arte, la musica e lo spettacolo. Ha frequentato la scuola romana di teatro “Teatro Azione”
blog comments powered by Disqus