Nasce “Campania NewSteel”: il primo incubatore certificato del Mezzogiorno

20/07/2017 di Lucio Todisco

Mercoledì 19 luglio è stato presentato il progetto per la nuova imprenditoria campana: un’iniziativa promossa e partecipata dall’Università degli Studi di Napoli Federico II e dalla Fondazione IDIS - Città della Scienza.

Mercoledì 19 luglio, presso la Sede dell’Unione Industriali di Napoli vi è stata la conferenza stampa di presentazione di “Campania NewSteel srl” il primo incubatore del Mezzogiorno ad essere certificato ai sensi del Decreto Crescita 2.0. Tale iniziativa è stata promossa e partecipata dall’Università degli Studi di Napoli Federico II e dalla Fondazione IDIS – Città della Scienza. L’incontro, che ha avuto inizio alle 11:00, ha visto gli interventi di Edoardo Cosenza, Presidente di Campania NewSteel;  di Vittorio Silvestrini, Presidente della Fondazione IDIS – Città della Scienza; di Gaetano Manfredi, Rettore dell’Ateneo Federico II; di Ambrogio Prezioso, Presidente dell’Unione Industriali di Napoli. Sono previsti gli interventi del Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris e del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Un hub teconologico per il Sud – L’incubatore ha come obiettivo quello di essere un vero e proprio motore per la creazione di impresa e il trasferimento tecnologico, e vuole essere un punto di riferimento per il Mezzogiorno che punta a consolidare un percorso di crescita nel settore delle imprese innovative. Ci troviamo di fronte ad un hub altamente qualificato con spazi innovativi, infrastrutture tecnologiche, servizi specialistici e una fitta rete di relazioni internazionali, che mira a  valorizzare le idee tecnologiche e di business, a servizio del sistema universitario, della ricerca e delle imprese del Centro-Sud Italia. Un incubatore che vuole essere un centro di riferimento per quei finanziatori e quelle imprese che sono interessate ad intercettare innovazioni e startup di qualità, pronte ad ambiziosi percorsi di sviluppo.

Tra memoria e futuro – L’incubatore prende il nome di “NewSteel” perché vuole essere un ponte tra la memoria della città e il futuro innovativo a cui aspira. Il nome richiama la memoria della fabbrica di Bagnoli, e sottolinea nel contempo che il “nuovo acciaio”, oggi, è la conoscenza. Il paradigma su cui l’incubatore fa leva è quello di non ragionare più sul concetto di industria “pesante” ma di industria “peNsante”, con l’obiettivo stimolare l’economia della conoscenza perseguendo i seguenti obiettivi:

  • promuovere la valorizzazione dei risultati della ricerca scientifica e della creatività dei giovani talenti attraverso la nascita di imprese innovative e durature e il loro sviluppo in chiave internazionale;
  • attrarre e connettere capitali pubblici e privati, cervelli, medie e grandi imprese, progettualità innovative sul territorio, per arricchire e potenziare l’ecosistema di innovazione e aumentare la massa critica di risorse per lo sviluppo, al fine di rendere più competitivo il sistema nel suo complesso sui mercati internazionali.

Campania NewSteel mette a sistema quella che è l’esperienza ventennale di Città della Scienza nell’ambito della creazione di impresa, riconosciuta anche come Best Science – Based Incubator d’Europa nel 2008; oltreché attribuita del marchio di qualità EU|BIC dal 2003; e che rappresenta il nostro paese nel Board of Directors di EBN European Business Network.,

Questi fattori di competitività della rete di esperienza messa a disposizione da Città della Scienza sono efficacemente fotografati dai numeri: da un lato, vi è stato il supporto alla nascita di circa 150 imprese innovative, con un tasso di sopravvivenza oltre il terzo anno superiore all’85%; dall’altro, vi sono le infrastrutture di ricerca, le competenze eccellenti e la grande capacità di produzione di talenti e di innovazione della Federico II, che si sta distinguendo per l’attività di sostegno alla innovazione, come già dimostrato dalla presenza prestigiosa della iOS Academy europea.

Il risultato di questa sinergia è Campania NewSteel, la struttura più importante a supporto della nascita e dello sviluppo di startup e spinoff innovativi del Sud Italia: un vero e proprio strumento al servizio delle strategie sulla “terza missione” delle Università e dei Centri di ricerca.

The following two tabs change content below.

Lucio Todisco

Classe 1987, Laureato in Scienze Politiche si è specializzato in gestione e formazione delle Risorse Umane e, ad oggi, è praticante Consulente del Lavoro. Una vita tra libri, film, politica, musica e del buon cibo. Il suo libro preferito è Oceano Mare, Mediterraneo il film che rivedrebbe ogni giorno, Oasis, U2 e Coldplay, la musica che ascolta nell’Mp3. Appassionato di innovazione, fa parte del comitato organizzatore dell’Innovation Day, manifestazione che coinvolge professionisti, organizzazioni, aziende e pubblica amministrazione sui temi dell’innovazione, crescita, sviluppo; collabora con la Fondazione Turismo Accessibile sui temi dell’innovazione e accessibilità turistica nel nostro paese.
blog comments powered by Disqus