Musica, campeggio e multiculturalità allo Sziget Festival

28/06/2015 di Mariagiovanna Giuliano

Dal 10 al 17 agosto 2015 ci sarà la ventitreesima edizione del “Woodstock sul Danubio”, il miglior festival musicale d’Europa

Sziget

Migliaia di partecipanti, 60 palchi e un’isola. La ricetta del Sziget Festival di Budapest è semplice e il risultato finale risulta essere il miglior festival musicale d’Europa secondo gli European Festival Awards. Per la ventiduesima edizione gli organizzatori hanno promesso un allargamento dell’area per provare a superare le oltre 415.000 presenze registrate con il sold out dell’anno scorso.

Per 7 giorni, dal 10 al 17 agosto, ragazzi e ragazze da tutto il mondo avranno la possibilità di campeggiare in aree attrezzate e usufruire di tutte le numerose attrazioni costruite per il divertimento nell’isola di Obuda, a due chilometri dal centro di Budapest.

Gli amanti della musica dal vivo avranno solo l’imbarazzo della scelta, potendo scegliere tra diversi generi musicali, dal pop al rock, dal metal all’elettronica, dall’hip hop al reggae, dal folk al jazz. Tra i nomi di quest’anno anche Florence + The Machine, Robbie Williams, Alt-J, Kasabian, Kings of Leon, Ellie Goulding, The Script, Interpol, Gogol Bordello, Asaf Avidan, Milky Chance e tanti altri. Oltre ai centinaia di concerti a tutte le ore del giorno, ci saranno anche spettacoli, mostre, danze, rassegne video e sport estremi come il bungee jumping.

Il Sziget Festival risulta essere l’esperienza migliore per chi vuole entrare a contatto con decine di culture e storie diverse. E’ molto più di un semplice festival musicale. Tra pause pomeridiane sulla spiaggia e notti insonni trascorse a ballare i partecipanti i partecipanti vengono catapultati in un mondo alternativo che ricercheranno sempre una volta andati via.

The following two tabs change content below.

Mariagiovanna Giuliano

Salernitana, classe 1994. Diplomata al Liceo Classico, attualmente studia Scienze Politiche a Roma. Le sue passioni sono la lettura, l’arte, lo yoga e la meditazione. Sogna di girare il mondo e di scrivere delle sue avventure. Cura un travel blog per giovani, www.ilpiccoloviaggiatore.com
blog comments powered by Disqus