Made in Naples: imprenditorialità, innovazione e crowdfunding alle pendici del Vesuvio

02/05/2016 di Lucio Todisco

Aguzzare l’ingegno, essere dinamici, cercare di essere all’avanguardia. Vivere su un territorio vulcanico ed irrequieto ha plasmato il DNA di una città come Napoli, che da un po’ di tempo si trova al centro di interessanti dinamiche di crescita nel campo dell’imprenditorialità e dell’innovazione. I casi Start Cup Campania, programmi AIESEC, Federica.eu, Lucabanana

Aguzzare l’ingegno, essere dinamici, cercare di essere all’avanguardia. Vivere su un territorio vulcanico ed irrequieto ha plasmato il DNA di una città come Napoli, che da un po’ di tempo si trova al centro di interessanti dinamiche di crescita nel campo dell’imprenditorialità e dell’innovazione. Non è un caso che Apple, con una delegazione di dieci americani, guidata da una manager di origini turche, Semur Tatari, ha visitato, la facoltà di Ingegneria di San Giovanni a Teduccio, a Napoli Est, per ragionare sulla realizzazione del centro di sviluppo app per smartphone del colosso di Cupertino, nel polo universitario nato un anno fa. Ma questa è solo una di alcune interessanti novità di questi mesi nella città partenopea.

Premiare l’innovazione con Start Cup Campania – Gli atenei partenopei hanno lanciato in questi mesi Start Cup Campania, il Premio per l’Innovazione promosso dalle Università campane con l’obiettivo di mettere in gara team di ragazzi che hanno una propria idea imprenditoriale innovativa da realizzare. Una business plan competition per sostenere la ricerca e l’innovazione tecnologica finalizzata allo sviluppo economico e alla nascita di imprese ad alto contenuto di conoscenza. La gara si inserisce nel contesto del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), una competizione analoga organizzata a livello nazionale da diverse università italiane, alla quale prendono parte i vincitori delle edizioni locali. C’è tempo fino al 10 maggio per presentare online la propria idea.

Start Up e Global Citizen con AIESEC – AIESEC è un’organizzazione apolitica, indipendente e no profit con l’obiettivo di sviluppare leadership giovanili globali, imprenditorialità ed offre opportunità di leadership e scambi internazionali nei 127 Paesi in cui è presente, sia a livello di sviluppo che a livello professionale. L’Associazione propone diversi progetti: il Global Talent, programma che permette agli studenti neolaureati di avere una prima esperienza professionale all’estero attraverso un tirocinio retribuito presso aziende o scuole per una durata che va dai 3 ai 18 mesi; il Global Citizen, con la partecipazione a progetti a sfondo sociale all’estero in un team internazionale di studenti per un periodo tra le 6-8 settimane e il Global Enterpreneur, con la possibilità di iniziare un’esperienza retribuita presso una start up estera per un periodo tra le 6-8 settimane.

Proprio l’AIESEC Federico II Napoli propone due date per i giovani che si vogliono avvicinare a queste esperienze: l’8 maggio alle ore 19 presso lo Slash (Via Vincenzo Bellini) ci sarà un evento di presentazione del programma di scambio di volontariato (Global Citizen), riunendo tutti i ragazzi che già hanno vissuto l’esperienza, i quali la racconteranno attraverso la formula dello “speed date” L’11 maggio, invece, dalle 14.30 presso il complesso universitario di Monte Sant’Angelo (Via Cinthia – Napoli) si svolgerà un evento incentrato sul mondo delle start-up. Ci saranno alcune testimonianze, come ad esempio quella di un giovane imprenditore e startupper, Raffaele Belli, al momento presente all’incubatore aziendale presso la Città della Scienza: si parlerà di come affrontare un’esperienza lavorativa in una start-up.

Federica.eu: l’Università onlineFederica.eu è la piattaforma della Federico II di Napoli, la prima con un’offerta didattica online di 50 corsi universitari gratuiti, i cosiddetti MOOC (Massive Open Online Courses).  Una avventura tutta Made in Italy e Made in Naples che permette a studenti universitari e non di accedere a corsi completi universitari da pc, tablet e smartphone.

Crowdfunding Made in Naples – Lucabanana’s dream è un progetto di crowdfunding artistico e multidisciplinare ideato da Luca De Lorenzo e curato da Raffaele Loffredo. Luca De Lorenzo, soprannominato “Lucabanana”, è un cantante lirico di 28 anni, laureato in scenografia all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Si è esibito in concerti lirici in Russia, Spagna, Estonia, Finlandia. Luca ha un sogno, ambizioso e bizzarro: realizzare nel 2018 un “pastiche teatrale” contemporaneo “made in Naples”, al Metropolitan di New York. Per raggiungere questo obiettivo Luca, accompagnato dal suo curatore, viaggerà da Los Angeles a New York con un apecar (trasposizione del Carro dei Tespi), coinvolgendo nel tour “coast to coast” tutte le professionalità utili allo spettacolo, dando vita ad una compagnia di artisti volontari. Per finanziare il progetto sono in programma mostre, presentazioni e performance artistiche di fundraising, sia in Italia che all’estero. Il progetto vanta il patrocinio del Comune di Napoli, dell’Accademia di Belle Arti di Napoli e del Conservatorio di Musica San Pietro a Majella. Al Teatro San Ferdinando, l’11 Maggio, partirà la mostra/performance: una processione di musicisti ed artisti partirà dopo un breve reading davanti al grande portone giallo del Museo Madre (che fungerà da sfondo), e attraverserà le strade della città fino al Teatro San Ferdinando, dove avrà luogo lo spettacolo.

The following two tabs change content below.

Lucio Todisco

Classe 1987, Laureato in Scienze Politiche si è specializzato in gestione e formazione delle Risorse Umane e, ad oggi, è praticante Consulente del Lavoro. Una vita tra libri, film, politica, musica e del buon cibo. Il suo libro preferito è Oceano Mare, Mediterraneo il film che rivedrebbe ogni giorno, Oasis, U2 e Coldplay, la musica che ascolta nell’Mp3. Appassionato di innovazione, fa parte del comitato organizzatore dell’Innovation Day, manifestazione che coinvolge professionisti, organizzazioni, aziende e pubblica amministrazione sui temi dell’innovazione, crescita, sviluppo; collabora con la Fondazione Turismo Accessibile sui temi dell’innovazione e accessibilità turistica nel nostro paese.
blog comments powered by Disqus