Cultura Democratica: al via le nuove iniziative di riforma per il Paese

23/09/2014 di Luca Tritto

Inizia un nuovo anno di intenso lavoro per Cultura Democratica, ripartendo dai disegni di legge che il think tank ha visto presentare in Senato

Cultura Democratica

Liberi nel pensare, responsabili nell’agire. È questo il motto di Cultura Democratica, il think tank composto interamente da giovani laureati e laureandi under 30 che, negli ultimi anni, ha avviato un intenso progetto di riforma del Paese attraverso studi, incontri e proposte legislative, culminati neilprogetto “La tua Idea per l’Italia”, in collaborazione con il Senato della Repubblica e “La tua Idea per l’Europa”.

Nei giorni scorsi si sono tenuti una serie di incontri in seno all’associazione per delineare gli obiettivi futuri, partendo dall’ottimo lavoro svolto nell’ultimo anno. In particolare, la proposta di legge in materia di regolamentazione degli interessi particolare – leggesi lobby – depositata in Commissione Affari Costituzionali del Senato insieme alla proposta di legge Costituzionale tesa ad istituire l’articolo 34-bis sul diritto di accesso libero ad Internet all’interno della Legge fondamentale del nostro ordinamento.

Un primo panel dell’incontro è stato dedicato all’attività riformista per l’Italia, ossia quale futuro immaginare per cambiare il Paese. Dopo una presentazione dei lavori svolti, il dibattito è stato animato dalle idee e dalle proposte di cambiamento suggerite dai giovani membri del think tank in materia di legislazione antimafia, diritto del lavoro, mobilità sostenibile, Made in Italy e divieto di interlocking.

Cultura DemocraticaUn secondo panel è stato dedicato all’organizzazione interna dell’associazione, in modo tale da dotarsi degli strumenti operativi necessari a migliorare gli standard qualitativi delle attività effettuate. Grazie ad un importante network di contatti all’estero, il think tank ha deciso di internazionalizzare la propria mission, in collaborazione con i giovani provenienti da altri Paesi, soprattutto nell’ambito del progetto “La tua Idea per l’Europa”, all’interno del quale sono stati sviluppati i progetti normativi sulla tutela del Made in Italy, sulla politica antimafia europea e sull’importante tema dell’immigrazione nella politica mediterranea.

Il culmine dell’evento si è avuto con la visita del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il quale ha discusso con i giovani partecipanti sul modello di Italia da auspicare e sulle iniziative avviate dall’associazione. Un dibattito aperto, informale e diretto in cui l’esperienza e la preparazione del Governatore sono stati motivo di ispirazione e confronto per i presenti. Non resta che augurare buon lavoro, nella speranza che siano sempre più i giovani a interessarsi alla via del riformismo per immaginare un’Italia migliore per tutti.

The following two tabs change content below.

Luca Tritto

Calabrese di Paola (CS), è nato il 7/11/1988. Dopo il liceo linguistico, si laurea nel 2011 in Studi internazionali alla “Cesare Alfieri” di Firenze, con una tesi sull’UE e la criminalità organizzata. Sin dai tempi della scuola si interessa di analisi politica e si appassiona allo studio di realtà criminali. Amante di storia e attualità della Chiesa Cattolica, si è laureato con 110/110 e lode in studi in Relazioni Internazionali presso la Luiss Guido Carli, con una tesi sulle normative antimafia di Italia e U.S.A. Collabora con "Redazione UniCal" , rivista del Centro di documentazione e ricerca sul fenomeno mafioso dell'Università della Calabria ed è responsabile dell'area Giustizia e Antimafia del think tank Cultura Democratica.
blog comments powered by Disqus