Corruzione, servono davvero pene più severe e maggiori controlli?

16/04/2016 di Francesco Chevallard

In molti invocano pene più severe o maggiori controlli nella lotta alla corruzione. Non sembra la strada giusta, perché gli esempi mondiali ci insegnano come la corruzione di un Paese sia direttamente proporzionale alla difficoltà nel fare affari: i veri ostacoli sono i tempi della giustizia, la lunghezza degli iter burocratici e la complessità normativa

Corruzione

Scorrendo Facebook ed i principali siti di informazione, negli ultimi tempi emerge un quadro molto cupo della corruzione nel nostro Paese. Regolarmente scoppiano nuovi scandali e la sensazione generale è che le cose stiano peggiorando col passare del tempo, senza intravedere alcuna soluzione. Pochi giorni fa un sondaggio del Fatto Quotidiano mostrava come il 45% degli italiani ritiene la corruzione più diffusa e persistente oggigiorno che durante Tangentopoli. A questo punto, le domande da farsi sono due: ci troviamo effettivamente di fronte a un’emergenza? Soprattutto, qual è il modo migliore di affrontarla?

Alla prima domanda è difficile rispondere: mancano dati e numeri certi sulla corruzione – può solo essere stimata – e sulla sua evoluzione nel tempo. Un’indicazione può venire tuttavia dal paragone con altri Stati. Guardando al Corruption Perception Index, elaborato da Transparency International, e prendendo in esame solo i 41 Paesi analizzati nel 1995 (anno della prima rilevazione), possiamo notare come negli ultimi vent’anni siamo passati dal 33° al 30° posto; e le ultime 4 rilevazioni (2012-2015) ci hanno visto costantemente guadagnare posizioni e migliorare il nostro score. Non è un grande risultato, d’accordo, e siamo sempre molto indietro rispetto alla media dei Paesi avanzati, ma almeno non c’è un trend peggiorativo. Mancano dunque dati atti a giustificare l’allarme-corruzione. È pur vero come, di fronte ad una situazione non ottimale, conti soprattutto la percezione dei cittadini, che sentono con forza il problema ed esigono venga affrontato e risolto. Qui arriviamo alla seconda domanda.

Di corruzione parlano tutti, continuamente. Si citano scandali, ci si indigna, si lanciano accuse agli avversari politici. Si sente discutere poco, però, di come risolvere il problema concretamente. Il dibattito su social network, televisioni e giornali, si limita, di solito, a esporre due tesi, apparentemente consequenziali: la prima sostiene la corruzione sia un problema di moralità; la seconda che si possa risolvere con leggi più severe. A prima vista il discorso ha una sua logica: se i controlli non bastano ad individuare i corrotti, né le pene a spaventarli, occorre aumentare entrambi. Invece non è così, perché in realtà le due tesi sono in contraddizione.

Se infatti il problema dell’Italia fosse davvero l’immoralità diffusa “per cultura”, allora non si capisce a cosa potrebbero servire altre norme. Non si può imporre l’onestà per legge, e la storia ci insegna come chi voglia frodare trovi sempre il modo di farlo. Per essere ancora più chiari: se l’immoralità è un fattore culturale, il funzionario/politico corrotto non si preoccuperà eccessivamente di rispettare le leggi.  Inoltre occorrerebbe sottolineare quanto neanche la pena più severa, quella capitale, si sia mai dimostrata essere un deterrente efficace nella lotta al crimine. Coprire buchi normativi è sicuramente utile – e in questo caso il discorso è diverso -, ma legiferare in continuazione sugli stessi temi non può portare a risultati diversi da quelli ottenuti in passato, servirà piuttosto ad aumentare la confusione in materia. Meglio puntare su più controlli allora? Neanche questa sembra una soluzione convincente. Moltiplicare i controlli significa anche moltiplicare i tempi degli iter burocratici, aumentando gli incentivi a “oliare” il meccanismo per velocizzarlo e aumentando quindi il numero di soggetti sensibili ad azioni corruttive. Inoltre, più controlli significa responsabilità più diffuse, con maggiore difficoltà nell’identificare chi decide cosa (e chi se ne debba assumere l’eventuale colpa o merito). Più in generale, i controlli servono solo se sono sostanziali e non formali, e concentrarsi su di un aumento del numero, piuttosto che sulla loro efficacia, non sembra la strada giusta.

Cosa si può fare allora? La risposta potrebbe essere allargare il nostro orizzonte a ciò che succede nel resto del mondo, cercando di capire i motivi alla base di una corruzione diffusa. Un rapido confronto tra il ranking Doing Business della Banca Mondiale ed il Corruption Perception Index, mostra come la corruzione sia direttamente proporzionale alla difficoltà di fare affari in un Paese. Una ricerca comparsa sul Journal of Business Ethics nel 2002 mostrava una forte correlazione tra sovrabbondanza regolatoria e alto tasso di corruzione. Insomma, più si complica il sistema normativo e si moltiplicano gli ostacoli per chi vuole fare impresa, più aumenta la corruzione in un Paese. La strada per combattere il fenomeno potrebbe dunque essere tracciata: velocizzare i tempi della giustizia, rendere più rapidi gli iter burocratici, valorizzare la responsabilità individuale tra la dirigenza pubblica e migliorare l’efficienza della nostra burocrazia. Scegliendo di agire su questi fronti, si vedranno risultati positivi nel lungo periodo.

The following two tabs change content below.
blog comments powered by Disqus