Comic-con 2013, abbandonare la tavola da surf per indossare una maschera

03/09/2013 di Jacopo Mercuro

Come ogni anno, verso la fine di luglio, centinaia di super eroi si ritrovano nel sud della California

Comicon di Sand Diego

La terra è in pericolo? No! State tranquilli, non c’è di mezzo l’incolumità del nostro pianeta, ma un abbraccio collettivo che i beniamini dei fumetti e della tv regalano ai propri fans. Non stiamo nemmeno parlando di una riunione degli Avengers o della Justice League of America, ma della più importante fiera della arti popolari: il Comic-con di San Diego.

Comic-Con International 2012 - Marvel Studios PanelsUna fiera fondata nel 1970, seguita inizialmente solo da qualche appassionato del posto, è diventata con il tempo la più grande rassegna delle arti popolari. Nata come una mostra del fumetto, il Comic-con, è cresciuto molto negli anni in modo da esaudire i desideri degli appassionati di fantascienza, horror, fantasy e qualsiasi cosa catalogabile nel mondo dei nerd. Non c’è voluto molto prima che le grandi case di produzione fiutassero l’affare, oggi sono le stesse società ad organizzare e animare questo mondo incredibile. Un luogo in cui si può evadere dalla realtà ed immergersi quattro giorni in un sogno fatto ad occhi aperti. Quasi 150mila persone di tutte le età popolano un intero distretto della città che si trasforma totalmente. San Diego, mettendosi a disposizione dei fans, diviene scenario di situazioni folli e bizzarre. Negli anni lo spettacolo e divenuto sempre più grande, al punto che oggi le case si sfidano nel cercare di creare l’evento più bello. Non è raro, che, all’improvviso, nel bel mezzo della mostra, arrivi un cinguettio di twitter ad informare tutti dell’attacco imminente di Godzilla in un determinato luogo della città. Inoltre, nelle zone limitrofe della fiera, si possono tranquillamente incontrare i protagonisti dei film o delle serie tv più in voga. Entrare in una tavola calda, ordinare un pasto e consumarlo vicino a Johnny Galecki, il Leonard Hofstader di The big bang theory, sembrerà una cosa di tutti i giorni. Un microcosmo che attrae anche le celebrità non invitate e che per visitare in tranquillità il comic-con ricorrono a stratagemmi impensabili. Anni fa, Johnny Depp, girò per la fiera indisturbato grazie al suo costume da scoiattolo. Più comico il mascheramento di Hugh Jackman che quest’anno ha optato per Wolverine (interpretato al cinema dallo stesso ben sette volte) senza mai essere riconosciuto dai passanti, ma ricevendo qualche consiglio per migliorare il costume.

Un evento magnifico, per molti un sogno da realizzare almeno una volta nella vita e che vale le lunghissime file che bisogna fare per accedere agli stand o alle sale conferenze. Sono in molti quelli che la sera prima decidono di dormire davanti all’enorme Convention Center per potersi assicurare un posto e prendere parte alle anteprime. È un prezzo che molti sono disposti a pagare per poter accedere all’arena in cui le major si danno battaglia a colpi di notizie e annunci shock. L’ultima rassegna avvenuta a San Diego ha definitivamente incoronato la tv, che, grazie alle serie, si sta trasformando nel nuovo cinema. I giganti della Marvel e della DC hanno rispettivamente annunciato il sequel di The Avengers e l’incontro tra L’uomo d’acciaio e Il cavaliere oscuro, ma se credete che siano state loro a farla da padroni vi sbagliate. La vera reginetta del ballo è stata la serie tv statunitense Game of Thrones (Il trono di spade). Il dominio assoluto si respirava nell’aria, quasi tutti i cosplayer erano dedicati alla serie americana, per non parlare delle fermate dei bus in lingua Dothraki. Infine, non potevano mancare i franchise fuori dal tempo come Star Wars (alle prese con il progetto del nuovo film) e Il signore degli anelli.

Un luogo senza età che ha regalato, agli appassionati, notizie travolgenti, ma la cosa che è spiccata di più è il grande successo che stanno avendo le serie televisive. Una tendenza tutta americana che sta pian piano prendendo piede anche nel nostro paese. Anche gli italiani iniziano a preferire questi format, facendoli entrare quotidianamente nelle nostre case, e non importa che siano zombie assetati di sangue o nerd patentati.

The following two tabs change content below.

Jacopo Mercuro

Nasce a Roma il 30/03/1988. Si diploma al liceo classico per poi intraprendere gli studi di giurisprudenza. Fin da bambino ha una vera e propria passione per il grande schermo. Cresce nutrendosi di pane, film e musica rock. Predilige le pellicole d’oltreoceano tanto che sulla sua scrivania non manca mai una foto del monte Hollywood.
blog comments powered by Disqus