Cinecittà Word, un parco da Oscar

22/07/2014 di Jacopo Mercuro

Cinecittà World

“Volevo restituire la magia del cinema a grandi e piccoli” – Dante Ferretti

Poco più di un anno fa europinione entrava negli storici studios cinematografici di Cinecittà, constatando le pessime condizioni in cui si trova quello che un tempo era un fiore all’occhiello nel panorama internazionale. La grande bottega dei sogni oggi sembra più una bottega di ricordi sbiaditi in balia del tempo che scorre. Gli studi assomigliano ad un’attrice avanti con l’età, con una grande carriera alle spalle, ma che a forza di guardarsi allo specchio è rimasta imprigionata nelle rughe che pian piano affioravano sul suo viso. Lo spettacolo è stato desolante, l’epilogo della “Hollywood sul Tevere” fa parte di una storia tipicamente italiana, di una mentalità retrograda che troppo spesso non si prende cura delle sue creature.

L’Atlantide romana probabilmente non sarà più baciata dal sole come lo era un tempo, ma i ricordi sbiaditi stanno finalmente per riprendere colore grazie al nuovo parco tematico. Il 24 luglio aprirà al pubblico Cinecittà World, il primo parco italiano interamente dedicato al mondo del cinema. La struttura sorge sugli ex studi cinematografici di Dino De Laurentis, nell’area di Castel Romano ed è stata interamente disegnata da Dante Ferretti (scenografo marchigiano vincitore di tre premi Oscar).

Cinecittà WorldL’ingresso è maestoso e d’impatto. Ad accogliere il pubblico c’è il tempio del dio Moloch, un omaggio di Dante Ferretti a Cabiria di Giovanni Pastrone e Gabriele D’Annunzio, il primo kolossal girato in Italia. Cinecittà World promette di offrire uno spettacolo nello spettacolo, grazie alla grande offerta di scenografie differenti tra loro. Dal primo kolossal italiano ci si ritrova a passeggiare per la main street ispirata alla New York degli anni 20. Il tour è un continuo viaggio nel tempo, dove presente, passato e futuro si mischiano come solo la magia del cinema è in grado di fare.

C’èra una volta il west, o meglio, c’è di nuovo il west. Una parte del parco è dedicata alla saga degli spaghetti western. Nel villaggio, Ennio’s Creek, pistoleri e casse di whiskey sono avvolti dalla solenne musica del maestro Ennio Morricone. CinecittaWorld non offre solo set e teatri di posa. Ben venti attrazioni sono pronte ad accogliere il pubblico di tutte l’età, dalle più adrenaliniche a quelle per i più piccoli. Il nuovo parco è un ponte che collega i sogni al divertimento e resterà aperto 260 giorni l’anno. I biglietti d’ingresso per gli adulti costeranno 29 euro, mentre per i bambini e gli over 65 il prezzo sarà di 23 euro.

Non si respirerà l’odore puro del set, ma è un ottimo modo per riavvicinare il passato al presente. Il tempo ci sfugge, ma il segno del tempo rimane.

The following two tabs change content below.

Jacopo Mercuro

Nasce a Roma il 30/03/1988. Si diploma al liceo classico per poi intraprendere gli studi di giurisprudenza. Fin da bambino ha una vera e propria passione per il grande schermo. Cresce nutrendosi di pane, film e musica rock. Predilige le pellicole d’oltreoceano tanto che sulla sua scrivania non manca mai una foto del monte Hollywood.
blog comments powered by Disqus