Autunno a New York, le cose da non perdere

08/09/2016 di Mariagiovanna Giuliano

L’autunno si avvicina, è tempo di programmare il prossimo viaggio: perché non scegliere New York? Tra ricorrenze, colori e festival la metropoli non mancherà di stupirvi.

Autunno NY

Primi giorni di settembre. Si riprende la routine con il vento d’estate ancora nell’aria e un po’ di malinconia. Quale miglior modo di affrontare l’autunno che verrà se non quello di progettare il prossimo viaggio?  Per chi ancora non c’è stato, una valida opzione potrebbe essere New York. Pare infatti che la Grande Mela risplenda particolarmente se vestita dei colori autunnali – e poi se Autumn in New York si chiama così un motivo ci sarà. Il tempo ancora mite e le strade poco affollate contribuiscono a rendere l’autunno il periodo migliore in cui visitare la città. Vediamo dunque quali sono le attrazioni da non perdere che animeranno la metropoli americana la prossima stagione.

Il foliage – Tipico dell’autunno, il fenomeno del foliage trasforma i paesaggi naturali in un caleidoscopio di calde sfumature che vanno dal rosso al giallo. A New York il miglior posto dove ammirare tale fenomeno è senza ombra di dubbio Central Park, il “polmone verde” di Manhattan. Che tanto verde non è con l’avanzare della stagione ma, anzi, si colora di ocra, arancio e porpora. Passare una giornata ad esplorare gli oltre 340 ettari di parco tra prati, boschetti, laghi e sentieri, pranzando sotto uno dei 25 000 alberi che lo abitano o ancora facendo un’escursione in gondola lungo il canale renderà la vostra esperienza newyorkese assolutamente indimenticabile.

 I festival – L’autunno è anche la migliore stagione per le iniziative che riguardano arte, design e teatro. Dalla famosa New York Fashion Week che si tiene ogni anno a settembre al New York Film Festival di ottobre fino ad arrivare al New York Comedy Festival in novembre. Uno al mese, tanto per non scontentare nessuno. Tra il 15 e il 16 ottobre di quest’anno, invece, si terrà l’Openhouse New York, il più grande evento di architettura e design d’America. In quest’occasione verranno aperti al pubblico spazi della città (o di case e musei) che normalmente non sono accessibili tra cui camere da letto, lobby, terrazzi, stazioni e scantinati.

 Le ricorrenze – Ce ne sono tante, ma le più tipiche e suggestive sono due: Halloween e il Ringraziamento. Per quanto riguarda la festa più paurosa che c’è, nessuno la celebra come gli americani: negozi, bar e ristoranti si colorano di decorazioni a tema e per le strade della città si sente profumo di torta di zucca; per chi non vuole farsi mancare un travestimento da brividi, può unirsi al Village Halloween Parade, una sfilata che parte dalla 6th Avenue la sera del 31 ottobre. Ben altro discorso è da fare per il Ringraziamento, una delle feste più importanti e sentite in Usa e Canada, che viene celebrato l’ultimo giovedì del mese di novembre. Il modo migliore per vivere davvero questa esperienza è condividerla insieme ad amici americani partecipando ad una cena del Ringraziamento, con tanto di tacchino ripieno.

 Il cibo – Che sia una merenda da Magnolia Bakery, la pasticceria più famosa di NY dove assaggiare cupcake, brownie, cookies e apple pies, oppure un aperitivo con la tradizionale birra alla zucca (nei quartieri di Manhattan e Broadway), anche il gusto vuole la sua parte. E i piatti tipici autunnali non mancheranno di soddisfare i più golosi.

 

The following two tabs change content below.

Mariagiovanna Giuliano

Salernitana, classe 1994. Diplomata al Liceo Classico, attualmente studia Scienze Politiche a Roma. Le sue passioni sono la lettura, l’arte, lo yoga e la meditazione. Sogna di girare il mondo e di scrivere delle sue avventure. Cura un travel blog per giovani, www.ilpiccoloviaggiatore.com
blog comments powered by Disqus