Amazing Women Everywhere, SCA e WWF contro la discriminazione

13/11/2014 di Iris De Stefano

In occasione della Volvo Ocean Race, SCA lancia, in collaborazione con il WWF, l’iniziativa Amazing Women Everywhere, volta a valorizzare e onorare la figura femminile nel Mondo

Amazing Women Everywhere

L’11 ottobre scorso da Alicante, Spagna, è partita la Volvo Ocean Race, una regata che, coinvolgendo sette team, in nove mesi completerà il giro del Mondo. Le squadre si trovano al momento a Cape Town dove sono arrivati dopo un viaggio in mare di circa un mese e resteranno fino al 19 novembre quando ripartiranno alla volta di Abu Dhabi. Tappe successive saranno Sanya, nella Cina meridionale, Auckland in Nuova Zelanda, Itajai in Brasile, Newport negli Stati Uniti, Lisbona in Portogallo, Lorient in Francia ed infine Göteborg in Svezia.

Tra le squadre impegnate nella regata, spicca su tutte il Team SCA, il primo tutto al femminile da oltre decennio. Arrivate a Cape Town in 26 giorni 23 ore 37 minuti e 49 secondi, nonostante nei giorni precedenti fossero nelle posizioni finali della classifica, poco prima dell’arrivo in Sudafrica sono riuscite a superare gli spagnoli di Mapfre e a guadagnare la sesta posizione. La Volvo Ocean Race, è però stata soggetta ad un’iniziativa ben più ampia, capace di travalicare la dimensione sportiva.

Amazing Women Everywhere – Alla mission di queste ragazze, si affianca un progetto ben più impegnativo, sebbene non riguardi la dimensione sportiva o competitiva ma, piuttosto, quella sociale e benefica. Il gruppo SCA – brand che possiede tra gli altri Tempo e Nuvenia – ha deciso infatti di cogliere l’occasione della Volvo Ocean Race per valorizzare e sottolineare universalmente l’importanza delle donne, siano esse personaggi pubblici o meno, appartenenti ad ogni classe sociale o background geografico, attraverso l’iniziativa Amazing Women Everywhere, in collaborazione con il WWF.

Un progetto importante, capace di assumere ancora maggiore valore se pensiamo alle notizie che quotidianamente invadono i nostri giornali, non per ultima la morte di 13 ragazze indiane, avvenuta durante una campagna di sterilizzazione di massa avviata nello stato del Chhattisgarh. Agli occhi di molti un episodio quasi anacronistico per il XXI secolo, in realtà solo l’ennesima dimostrazione di un Mondo umanamente e culturalmente più arretrato di quanto molti possano – o meglio, vogliano -credere.

Niente di più evocativo dunque, che lanciare un messaggio forte e deciso attraverso un gruppo di donne che fisicamente si muove da un punto all’altro del pianeta, mettendo in gioco se stesse e competendo ai più alti livelli di uno sport tanto fisico quanto mentale. Per di più in nove mesi: un numero particolarmente significativo, simbolo universale di vita.

Ma cos’è Amazing Women? Un’idea tanto semplice quanto originale: accedendo a www.teamsca.com/awemosaic – per tutta la durata della competizione -, ma anche caricando su Instagram o Twitter (con l’hashtag #AWEmosaic) una foto della donna che più è stata fonte di ispirazione nella nostra esistenza, accompagnata facoltativamente da una breve descrizione del motivo che accompagna la nostra scelta, le immagini andranno a formare un gigantesco mosaico sul portale. Al termine della Volvo Ocean Race, quindi, per ogni foto, la SCA si è impegnata a donare 1 euro al WWF, riuscendo così a coniugare perfettamente lo spirito di una regata in mare e quello della valorizzazione della figura femminile.

The following two tabs change content below.

Iris De Stefano

Nata a Napoli il 02/10/90 dopo la maturità classica ha studiato Relazioni Internazionali a "L'Orientale" di Napoli e alla LUISS Guido Carli di Roma. Esperienze in Belgio e in Spagna.
blog comments powered by Disqus